Vogue.it: nasce il sito della bibbia della moda

da , il

    Una settimana della moda degna di essere considerata tale oltre alle consuete sfilate non può non avere in calendario eventi collaterali ed happening esclusivi, meglio ancora se si tratta di feste il cui accesso sia riservato a vip con la “V” maiuscola. In questi termini la fashion week milanese non si è fatta mancare niente e stilisti e celebrities si sono ritrovati tutti al party più esclusivo dell’anno, quello per il lancio del nuovo portale della bibbia della moda, Vogue.it. Nessuno degli storici designer ha saputo resistere al richiamo di Franca Sozzani, storica direttrice della rivista, che invece di inviare un normale invito come avrebbe fatto qualsiasi comune mortale ha spedito a tutti i suoi ospiti uno Swatch colorato che fungesse da passepartout.

    Ecco svelato perché l’eccentrico Lapo Elkann indossava ben 2 orologi la sera dell’evento. Ospite della sfavillante Villa Reale, il meraviglioso edificio costruito verso la fine del ‘700 da Leopold Pollock, la festa ha accolto centinaia di ospiti illustri del mondo della moda, della politica e dello spettacolo che hanno calcato il red carpet, che poi rosso non era ma piuttosto cangiante, e bevuto fiumi di champagne.

    Il gota della moda si è riunito, dicevamo, per festeggiare la nascita del nuovo portale, e non mancava proprio nessuno, da Giorgio Armani a Frida Giannini ma anche Alberta Ferretti, Domenico Dolce e Stefano Gabbana,Roberto Cavalli e Miuccia Prada e ancora i coniugi Missoni per rappresentare l’eccellenza del made in Italy davanti alla papessa della moda-così viene chimata nel settore Anne Wintour- reduce da qualche polemica dovuta alla sua richiesta di restringere il calendario della kermesse milanese. Non poteva mancare alla festa dell’anno la party girl per eccellenza, Lindsay Lohan e le penne storiche della moda, Suzy Menkez e Anna Piaggi. Cin cin!

    Dolcetto o scherzetto?