Vogue China: Lindbergh firma il terzo servizio della Vodianova

da , il

    Come vi avevo promesso ecco il terzo e ultimo capitolo che riguarda gli strepitosi servizi fotografici di Vogue China, un’edizione, quella di maggio, che vanta come protagonista assoluta la bellissima top model russa Natalia Vodianova. Dopo la visione onirica di Demarchelier, e quella più concreta e sofisticata del fotografo italiano Paolo Roversi, un altro genio dell’obiettivo ha immortalato la modella più richiesta del momento , si tratta di un vero e proprio mostro sacro in materia, il fotografo tedesco più amato e corteggiato dal mondo della moda, Peter Lindbergh, che per il servizio ha ricreato un ambientazione romantica e sognatrice.

    Lindbergh è una perla rara tra i fotografi della nostra epoca, lui più di tutti è tra quei maghi dell’obiettivo che sono riusciti ad influenzare e appassionare la fashion industry, con le sue immagini visionarie e al tempo stesso dotate di concretezza nuda, quasi che la realtà fosse proprio lì, davanti a noi, ma possibile da guardare per quella che è solo attraverso gli occhi del fotografo , ha sicuramente lasciato un segno nella fotografia di moda moderna.

    Il servizio realizzato per Vogue China non delude le aspettative, e offre un Lindbergh doc, riconoscibile fra mille. Tenere e al tempo stesso appassionate le fotografie volutamente sbiadite, quasi volessero raccontare di un passato lontano, in questo servizio dal titolo “Dancer in the dream” ancora una volta si avvalgono, così come i precedenti due, del lavoro di Nicoletta Santoro come stylist, che ha scelto Azedine Alaia, Dolce & Gabbana, Chanel, Givenchy, Prada, Lanvin e le romanticissime ballerine Repetto per vestire la Vodianova, languida protagonista delle immagini di Lindbergh.