Vera Wang sfilata Primavera/Estate 2013 [FOTO]

da , il

    VERa wang pe 2013

    Vera Wang ha presentato, poche ore fa, la collezione Primavera Estate 2013 sulle passerelle della New York Fashion Week. Vera Wang è specializzata in abiti da sposa, le sue creazioni sono le più ambite dalle donne, famose e non, ha vestito la conturbante Kim Kardashian per il suo matrimonio flash ma anche le più fortunate unioni di Victoria Beckham, Sharon Stone, Kate Hudson, Chelsea Clinton e Ivanka Trump. Vera Wang è molto quotata anche nel prêt-à-porter, è proprio la femminilità romantica e gentile la chiave del suo successo.

    La collezione primavera estate 2013 di Vera Wang è raffinata e molto elegante, nonostante la designer abbia passato un periodo molto turbolento prima dell’annuncio del divorzio dal marito Arthur Becker, è riuscita a separare il lavoro dalla vita privata e in questa raggiante collezione non ci sono tracce di turbamenti, è tutto romantico, chic e glamour come sempre. Sembra una sciocchezza ma in realtà gli artisti vivono di ispirazioni, di emozioni, di sentimenti, mettono su carta/tela/foto quello che hanno dentro la mente e il cuore.

    Vera Wang apre la sfilata con un tripudio di mise in total white, abiti da gitana in stile anni Settanta abbinati a maxi gilet, ma anche abiti con gonnelline svolazzanti, tubini e pantaloni con delicati inserti in pizzo, rigorosamente bianco. Si passa gradualmente agli abiti da sera più impegnativi dove i pizzi si fanno leggeri e i ricami si appesantiscono e assumono riflessi dorati: una maestria sartoriale da fare invidia all’universo haute couture! La sfilata prosegue con capi in blu royal con una stampa tappezzeria dai tratti barocchi, a cui in seguito si aggiungono inserti in pizzo nero. La sfilata continua con mise in total black che poi lasciano il posto al viola, ed in particolare ad un delizioso abito da cocktail senza spalline con gonna vaporosa e cortissima. La serie più interessante della collezione è sicuramente quella in verde petrolio, un colore bellissimo e carico di mistero proposto nei tubini in pizzo nei top e nelle jumpsuit e, spesso, accompagnato dall’oro opaco e imperiale.

    Prima della serie finale abbiamo un blocco di abiti e capi sbarazzini in verde mela e bianco, stampa tappezzeria abbinata alla tinta unita, ma anche pizzo leggero per delle mise eleganti ma sobrie, perfette per il giorno. Una serie di abiti in avorio e oro chiudono la sfilata con mise da sera elegantissime e impegnative, tubini rigorosi e strettissimi, top dalle linee futuristiche, ma anche tanta tradizione con gli abiti lunghi in pizzo incrostato con elementi in oro. Abiti bellissimi, certamente adatti ad una cerchia ristretta – e fortunatissima – di donne che hanno i fondi, ma anche le occasioni giuste, per far brillare questi abiti da sogno.

    Dolcetto o scherzetto?