Scarpe Versace, i platform boots in pitone colorato

da , il

    Li abbiamo eletti tra le dieci scarpe più stravaganti, eccentriche e particolari tra tutte quelle proposte dai designer sulle passerelle delle collezioni per la primavera-estate 2010, e ora eccoli qui, gli altissimi sandali con platform chilometrico di Versace. Oggi vi parliamo nello specifico della versione a stivale, sicuramente tra le calzature dal look più visionario di una collezione coloratissima, dominata da abiti dai tagli asimmetrici e dalle stampe geometriche che hanno stregato il popolo della moda.

    La collezione di Versace per la primavera-estate 2010 è stata tra le più amate dalla critica, tanto che oggi, sfolgiano una qualsiasi rivista di moda, da quelle patinate a quello meno famose, è praticamente impossibile non trovare un abito o un accessorio che appartenga a questa collezione.

    Gli abitini coloratissimi, dalle stampe geometriche e dai tagli asimmetrici sparsi un po’ per tutta la lunghezza dell’abito, e le borse dedicate alle canzoni più famose di Michael Jackson sono stati salutati dalla critica molto favorevolmente. Anche io mi accodo a questa diffuso consenso che questa collezione sta raccogliendo, dimenticando però le scarpe di questa collezione.

    Dopo gli zoccoli bordati di pelo di Louis Vuitton, i sandali con il platform più massiccio che si sia forse mai visto sulle passerelle sono forse le calzature che ho amato di meno. Per non parlare della versione a stivale, di cui vi parlo oggi.

    18, ripeto, 18 centimentri di tacco, rinforzati da ben 7 centimetri di plateau: sono queste le misure di questi sandali provvisiti di gambale in pitone arancio chiaro, colore che ritroviamo anche nella punta a peep toe mescolato con il rosa chiaro. Il tacco è in metallo lucente, mentre il plateau in pelle marrone.

    Il modello più kitsch della primavera-estate 2010? Forse è proprio questo, esagerato su tutti i fronti. Li trovate su Netaporter.com al prezzo di 1.650 euro circa.

    Foto da:

    www.netaporter.com

    Dolcetto o scherzetto?