Prada: collezione prefall 2010

da , il

    A’ la guerre comme à la guerre. Se lo stile military chic condannato da Franca Sozzani ha infestato le vetrine dei negozi per la primavera in corso e l’estate in arrivo, il prossimo autunno non farà che consolidarsi tra le strade delle città modaiole e negli armadi delle fashion victim. Sembra infatti che i richiami alle divise rimarranno neanche troppo accennati nella stagione fredda. Di certo Prada non ha perso questo trend, che anzi ha declinato in maschile e femminile (il noto marchio italiano ha stupito tutti facendo sfilare entrambe le collezioni insieme, ma considerata la coincidenza di motivi e ispirazioni, effettivamente aveva poco senso separarle) la stampa mimetica nella sua collezione prefall 2010.

    Il camouflage invade cappotti, giacche, completi. Si tinge di diverse tonalità, una variante rispetto al più classico fondo verde che prevede l’ingresso del beige, del rosa o del rosso.

    Prada si sa, tra le sue specialità vanta le stampe, tanto famose in tutto il mondo da permettere alla famosa casa di moda di proporne sempre diverse e di omaggiare il suo storico archivio riproponendone spesso alcuen storiche. Per la collezione prefall 2010 il marchio di Miuccia Prada quando non punta sul camouflage si dedica alle fantasie geometriche multicolor.

    La collezione, forse un po’ piatta rispetto a quanto in precedenza Prada ci ha abituati a vedere è semplice e lineare, accosta maxi cardigan a pantaloni skinny o minigonne, in uno stile che sembra ricordare gli studenti dei college americani degli anni ’70. Stessi richiami anche per i cappottini, che Prada declina in ogni stampa e materiale, pelle compresa.

    Foto:www.style.com