Nina Ricci, sfilata autunno-inverno 2010/2011

da , il

    La collezione per l’autunno-inverno 2010/2011 di Nina Ricci vede al debutto come designer per la casa di moda Peter Copping. Dopo cinque anni in cui la maison si era contraddistinta per lo stile sfrontato e innovativo di Olivier Theyskens (c’è chi parla di lui come erede di Alexander McQueen), è Copping, per anni braccio destro di Marc Jacobs da Louis Vuitton, dietro questa collezione che sembra volersi spostare su un binario completamente differente da quello percorso dal suo predecessore. La critica è stata abbastanza morbida con questo debutto e c’è chi pensa che Nina Ricci possa essere la risposta francese di Alberta Ferretti.

    La collezione di Nina Ricci per l’autunno-inverno 2010/2011, presentata ieri durante Mode à Paris, la settimana della moda francese, ha visto il debutto di Peter Copping, che dopo anni come braccio destro di Marc Jacobs per Louis Vuitton ha firmato per la prima volta un’intera collezione con il suo nome.

    La prima impressione che si ha nel guardare le immagini di questa sfilata è che Copping abbia voluto distanziarsi notevolmente dal percorso di Olivier Theyskens, per cinque anni direttore creativo della maison Nina Ricci, proponendo uno stile più elegante e sobrio, ma allo stesso tempo innovativo.

    La critica è stata abbastanza morbida con questo debutto, c’è chi parla addirittura della risposta parigina ad Alberta Ferretti…io non mi trovo molto d’accordo con questo paragone, penso soprattutto che una collezione non basti per azzardare un pensiero di questo tipo.

    Si vede che Copping ha lavorato per Marc Jacobs dal mix di diversi stili e abiti, dal continuo gioco di sovrapposizioni: tra un cambio e l’altro si passa infatti da cappotti o tailleur dal taglio severo con tubini decisamente più sexy dal corpetto bustier, da abbinamenti maglione-gonna da scolara all’abito couture floreale, dove le rose costituiscono un po’ il fil rouge di tutta la collezione comparendo anche su cinture e altri accessori.

    Foto da:

    www.style.it