Milla Jovovich bambola del futuro per Harper’s Bazaar

Milla Jovovich bambola del futuro per Harper’s Bazaar
da in Abbigliamento, Burberry, Celebrity Style, Moda 2010, primavera 2010
Ultimo aggiornamento:

    Un’altra bellissima conquista le pagine patinate di Harper’s Bazaar. Attualmente impegnata nella campagna pubblicitaria di Tommy Hilfigher con cui l’attrice e modella dagli occhi di ghiaccio ha stretto una collaborazione che mira a sensibilizzare l’opinione pubblica su un tema drammatico come il tumore al seno e a raccogliere fondi per la causa, Milla Jovovich si è aggiudicata la copertina del numero di aprile di Harper’s Bazaar Singapore, che le ha dedicato un servizio fotografico al suo interno realizzato da Simon Uptan, un nome di certo non ancora famosissimo ma che probabilmente presto rimbalzerà di rivista di moda in rivista di moda, a giudicare dalle immagini.

    La Jovovich, che in copertina tira fuori tutto il suo appeal apparendo in forma più che splendida con tanto di sorriso smagliante fasciata da un completo argentato composto da gonna e top tempestato di cristalli, all’interno del servizio è altrettanto strabiliante nell’impersonare una specie di bambola del futuro caduta chissà come in una dimensione estranea.
    Se infatti tutto, l’abbigliamento, che per la cronaca è firmato Burberry Prorsum,il make up e le pose della modella richiamano alla mente paesaggi e racconti di chiaro sapore futurista, le ambientazioni sono tutt’altro che moderne.

    Il servizio infatti è stato scattato in strade semidesertiche o in autogrill tipicamente americani che ormai si vedono solo nei film ambientati nel passato. Milla Jovovich, che in queste immagini sembra poco più che un bellissimo manichino, dimostra ancora una volta le sue doti da camaleonte, che le rendono capace di interpretare qualsiasi soggetto (fotografico o cinematografico).

    Foto:www.ykone.com

    298

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AbbigliamentoBurberryCelebrity StyleModa 2010primavera 2010
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI