Gucci, il temporary shop arriva a Londra

da , il

    Continua la tournée di Gucci, che dopo New York e Miami fa tappa in un’altra delle città della moda, Londra. In poco più di un mese il temporary-shop della maison arriverà nella capitale inglese, più precisamente al 37 di Earlham street, Seven Dials, in Covent Garden. La dinamica non cambia, e come già successo nelle città statunitensi anche Londra vivrà per 3 settimane il suo Gucci Icon-Temporary, un pop-up store di scarpe sneakers itinerante, caratterizzato appunto dalla temporaneità. Per questo progetto che ha preso il via qualche mese fa Frida Giannini, Direttore Creativo di Gucci, ha lavorato fianco a fianco con Mark Ronson, dj e produttore discografico, e il risultato è una collezione completamente limited edition di sneakers Gucci Ronson, che sarà in vendita solo nei temporary shop della maison.

    Il duo di designer ha realizzato appositamente per l’occasione ben 18 modelli, 16 per l’uomo e 2 destinati alla donna, ciascuno dei quali riprende i classici simboli di Gucci, che sia la doppia G stilizzata o il nastro verde e rosso emblema della casa di moda, e tutti sono personalizzabili su richiesta.

    Per i 18 pezzi da collezione che saranno messi in vendita ad un prezzo che oscilla tre i 500 e i 600 dollari a seconda del modello, nulla è lasciato al caso, ognuno sarà infatti contrassegnato da una targhetta limited edition inserita all’interno. Persino il packaging non sarà lasciato al caso e sarà diverso da quello cui la maison ci ha abituati perchè realizzato esclusivamente per le tappe del tour. Inoltre per ogni paio di sneakers acquistate il cliente riceverà un vinile con una traccia scelta da Ronson.

    Il negozio “a tempo”, dopo le tre settimane a Londra continuerà con il suo tour che prevedeva in origine 11 tappe. La boutique itinerante, che presenta lo stesso design in ogni città che visita, interni laccati in bianco e il nastro verde-rosso-verde in versione oversize a circondarne il perimetro, è atteso ancora a Tokyo, Berlino, Parigi e Hong Kong.