E’ morto Wicky Hassan, il papà di Miss Sixty e Energie

da , il

    hassan belen

    Si è spento stamattina a Roma Wicky Hassan, il papà di Miss Sixty, Energie e Killah, l’uomo che ha saputo trasformare la moda tradizionale in qualcosa di molto più allegro, vezzoso e seducente. E’ stato lui a portare in Italia i pantaloni a vita bassa e realtà internazionali che da noi erano del tutto sconosciute. Wicky Hassan è morto all’età di 56 anni, sconfitto da un tumore che lo tormentava da quattro anni, anni in cui non si è fermato, ma ha costruito basi ancora più solide per far andare avanti il suo lavoro anche senza di lui.

    Il mondo della moda piange uno dei geni creativi dei giorni nostri, Hassan è arrivato in Italia negli anni Sessanta, era un profugo dalla Libia, che ha saputo costruirsi un futuro senza l’aiuto di nessuno ma contando solo sul suo duro lavoro e sulle sue intuizioni. Il self man nel senso più ampio e positivo del termine.

    Hassan studia all’Accademia di Belle Arti e comincia a vendere i primi capi a Porta Portese, poi negli anni Ottanta porta in Italia brand inglesi e francesi come ad esempio All Star, Timberland, Levi’s e le prime T-shirt di Fruit of the Loom. Nel 1988 fonda la griffe Energie, un marchio casual e unisex che fa subito breccia nei giovani. Nel 1991 invece fonda il brand Miss Sixty ed è subito successo, pensate che dobbiamo a lui e a Miss Sixty l’arrivo dei seducenti pantaloni a vita bassa nel Bel Paese. Miss Sixty ne ha venduti ben 27 milioni di pezzi.

    Negli anni Miss Sixty si è affacciato nel panorama internazionale, tra le sue estimatrici, ed amiche dello stesso Hassan, ci sono Christina Aguilera, Angelina Jolie, Anastacia, Beyoncé, Jennifer Lopez. Tra le testimonial Miss Sixty ricordiamo la splendida top model inglese e attrice Rosie Huntington Whiteley e Belen Rodriguez che è in volto delle ultime due stagioni.

    Piero Bongiovanni, Amministratore Delegato del Gruppo Miss Sixty, ha dichiarato: “E’ scomparso oggi uno dei grandi creatori di moda a livello internazionale. Un uomo che ha saputo coniugare un grande amore per lo stile e per la sua azienda con una lotta esemplare contro qualsiasi forma di discriminazione”.

    Dolcetto o scherzetto?