Come vestirsi bene e alla moda spendendo poco!

Come vestirsi bene e alla moda spendendo poco!
da in Abbigliamento, Fashion News, In Evidenza, Moda 2011, Moda economica, Negozi, Shopping
Ultimo aggiornamento:

    carrie closet

    Come vestirsi bene nonostante il salvadanaio pianga? E’ una domanda che frulla nella testa di tutte noi, perché diciamoci la verità, è bella la moda degli stilisti, fa sognare guardare sulle passerelle le modelle che ancheggiano sfoggiando i vari Hermès, Lanvin, Dior, ma quante di noi possono permettersi un intero guardaroba votato al fashion più spinto e lussuoso? Poche, ragazze, poche. E allora? E allora c’è chi viene in nostro aiuto proponendoci capi alla moda ma che costano poco.

    Questo è il segreto che si nasconde dietro al successo delle aziende più quotate in fatto di fast fashion. Senza contare poi che molte di noi amano la qualità, si, ma ammettiamolo, non disprezziamo affatto la quantità, e l’offerta dei vari colossi è incredibilmente ampia.

    Se un tempo acquistare capi low cost voleva dire aggiungere negli armadi abiti assolutamente non alla moda e di qualità scadente, sempre più spesso oggi un capo low budget è in grado comunque di conservare un aspetto assolutamente fashion nonostante il prezzo basso segnato sul cartellino. Ormai in grado di leggere nel pensiero delle fashion addicted, i grandi marchi europei che hanno trovato successo praticamente in tutto il mondo sono diversi. Girovaghiamo insieme nel mondo del low cost.

    • H&M

      HM
      Che dire, non merita neanche una presentazione. La nostra vita non sarebbe la stessa in termini di guardaroba se non ci fosse H&M. Quello che lo rende così speciale, oltre all’innumerevole quantità di capi proposti è anche la capacità unica o quasi di coinvolgere i grandi nomi della moda, regalando alle sue clienti un pizzico di high fashion low price. Da H&M sono passati tra gli altri Sonia Rykiel e Matthew Williamson, e presto, tra un paio di settimane si affaccerà anche Alber Elbaz con il suo Lanvin. Proprio per questo, e per le mille sorprese che quotidianamente riserva, H&M è uno dei nomi più amati dalla generazione fashion che gode di un low budget.

    • Zara

      Zara1
      Dove c’è H&M non può non esserci Zara. I due colossi viaggiano insieme facendosi una pressante concorrenza.

      Che tradotto per noi vuol dire capi sempre più alla moda, qualità sempre migliore e offerte imperdibili, quindi ben venga la concorrenza! Se H&M propone spesso grandi nomi della moda Zara invece è entrato ufficialmente nel mondo della vendita online, cosa che ci aspettiamo – e speriamo- faccia presto anche il rivale svedese, offrendo anche a chi non ha la fortuna di abitare in una città dove si sia stabilmente inserito il marchio spagnolo l’opportunità di frugare tra i suoi scaffali virtuali.

    • Mango

      Mango
      Anche da Mango si fa shopping online, oltre che nella boutique ovviamente, e anche qui, è facile trovare l’ultima moda gridata dagli stilisti a prezzi accessibili per tutte noi. Bella la selezione di knitwear che propone per l’inverno 2011.

    • Bershka

      bershka1
      Vi svelo un segreto. Non c’è brand low cost che possa battere l’offerta del marchio amato dalle giovanissime piene di grinta in fatto di giacche. Nessuno. Specie se si parla di giacche di pelle, che il brand propone in versione estiva o invernale in tantissime tonalità tra cui scegliere e in un ampia scelta di modelli. Da non perdere.

      Si parlava di shopping online, il futuro dello shopping che già è abbastanza saldo nel presente. Vi segnalo, per chi già non lo conoscesse già ill caro Asos, terra promessa per le fashion addicted in ristrettezze. Tante le proposte assolutamente accessibili da alternare con le offerte di brand più noti.

    • Victoria’s Secret

      VICTORIASSECRET
      E’ vero, è noto per la sua lingerie, ma sapevate che oltre alla biancheria di lusso il marchio sul suo sito offre tantissimi modelli, spesso deliziosi, di capi d’abbigliamento? Belli, colorati e low cost. Unico neo, il prezzo della spedizione, piuttosto salato anche considerato che vengono dagli Usa. Occhio alle spese di dogana, alte anche quelle.

    848

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AbbigliamentoFashion NewsIn EvidenzaModa 2011Moda economicaNegoziShopping
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI